Il sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione.

No alle "strade drogate" di Antonello Vanni

Antonello Vanni

Salviamo la vita dei giovani durante le prossime festività

Antonello Vanni commenta il report dell'Osservatorio europeo sulle tsossicodipendenze da cui si rileva che dopo l'alcol è la cannabis la sostanza maggiormente responsabile degli incidenti stradali...

No alle “strade drogate”: salviamo la vita dei giovani durante le prossime festività di Antonello Vanni, da Il Sussidiario.net lunedì 22 dicembre 2008 Lisbona, 8 dicembre 2008. In occasione delle festività l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze ha lanciato un nuovo allarme: benché l’alcol rappresenti la sostanza più pericolosa per chi si mette alla guida, le ricerche evidenziano il costante aumento sulle strade europee di guidatori in stato di alterazione dovuta all’uso di droghe e psicofarmaci. E ciò può avere effetti devastanti, come mostra l’Osservatorio nel report “Droghe, riduzione della capacità di guida e incidenti stradali” (disponibile in http://www.emcdda.europa.eu/html.cfm/index190EN.html).
Basato sui risultati di studi sperimentali (simulazioni di guida sotto l’effetto di sostanze) e di studi epidemiologici (prevalenza delle droghe riscontrate, origine del rischio di incidenti, analisi delle responsabilità), il report sostiene che l’uso cronico di qualsiasi stupefacente determina riduzione delle capacità cognitive e psicomotorie con diminuzione delle prestazioni del guidatore, “anche qualora il soggetto non sia più sotto l’effetto degli stupefacenti”. Ma quali sono le droghe maggiormente riscontrate dai test effettuati sui guidatori? Tra le droghe analizzate la cannabis è la sostanza psicoattiva più frequentemente rilevata... (continua in http://www.ilsussidiario.net/articolo.aspx?articolo=10331).