Il sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione.

Fantasmi all'opera di Carla Stroppa alla Feltrinelli di Brescia sabato 19 ottobre ore 18

Sabato 19 ottobre 2013
Ore 18

Libreria Feltrinelli
Brescia Via Zanardelli, 3

Presentazione di

FANTASMI ALL’OPERA
L’imperiosa realtà dell’illusione
di
Carla Stroppa

  con l’autrice dialogheranno:   Bianca Garavelli (Scrittrice e critica letteraria)   Paolo Ferliga (Psicologo analista,  docente di Storia e Filosofia)

FANTASMI ALL’OPERA
L’imperiosa realtà dell’illusione

In questo libro  si dipana  una riflessione esistenziale che ancorandosi alla psicologia analitica e ad alcuni frammenti  tratti dalla pratica clinica, fa incursione nella letteratura fantastica, nella poesia e nella filosofia estetica, per mettere in evidenza quanto l’illusione sia una dimensione ineludibile e operante  della psiche umana. Comprenderla e orientarla equivale a comprendere e orientare l’animo umano.

Accade che in certi momenti della vita ci si senta a un bivio oltre il quale la via si biforca in un’estensione ignota e inquietante. Qualcosa,  spesso un evento traumatico, ma talvolta il semplice fluire del tempo che incide sul corpo e sull’anima i segni della sua signoria, interrompe il filo di continuità che aveva legato alla vita. Il senso della propria identità e la prospettiva del futuro si confondono, si annientano persino e la coscienza entra in  uno  stato limite di pericolosa confusione. In  questa dimensione psichica  si animano  i fantasmi del mondo interiore. Non sono entità oggettive ma illusioni che operano nella psiche  e dunque a loro modo sono reali.  Alcuni hanno vista lunga e  operano per  indicare la strada che traghetta l’Io  oltre il vuoto, altri arrancano alla cieca e la loro azione risulta  distruttiva. Entrambe  parlano  con voce arcana  e  sembrano dire:  “Ci siamo, siamo l’incubo che ti tormenta, il buio che ti turba, siamo  la paura del cambiamento. Siamo la speranza che  occhieggia  oltre il bivio,  l’illusione che a volte orienta, a volte disorienta il tuo pensiero.  Fantasmi  evanescenti trapassiamo i muri del pensiero e  ci infiltriamo  non visti  nelle tue fantasie, nelle proiezioni che fai sugli altri e sulle cose.  Siamo il fondamento dell’anima, la vertigine che intreccia  il vero e il falso. Ci riveliamo solo allo sguardo sensibile del poeta, del bambino e dell’uomo di spirito.  Siamo reali, eccoci  qua sulla carta  su cui stai scrivendo  i tuoi pensieri, impastati nella creta che stai forgiando, catturati in sovraimpressione nelle fotografie che stai scattando. Siamo l’ombra che stai  sfumando  col carboncino, il sangue e la passione  che  colano dal pennello  che stai intingendo  nel rosso, siamo la lontananza che stai evocando con il grigio di quel paesaggio, siamo il desiderio e la speranza  che stai propiziando  mentre dipingi l’azzurro di quel  cielo. Siamo l’improvvisa allegria, il gioco, l’amore.  Ci siamo, siamo l’alterità e la molteplicità che ti abita, siamo  l’oblio, la memoria. Siamo il gesto creativo,  lo slancio,   l’Illusione che rende possibile il divenire. Di noi non puoi fare a meno. Siamo  il futuro,  la morte che inghiotte ogni cosa,  la vita che ad ogni cosa dà inizio.   Siamo fatti della stessa sostanza dei sogni: guardaci, toccaci, siamo reali. Siamo  l’altra parte di te.  Ascoltaci, aiutaci a prendere forma, ti aiuteremo a vivere”.