Il sito utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione.

Cocaine? She lies. E anche tu, Morgan di Antonello Vanni


Clicca per scaricare il file pdf

 

Antonello Vanni commenta le parole di Morgan sulla cocaina
da www.ilsussidiario.net 3 febbraio 2010

Cocaine? She lies. E anche tu, Morgan
Messaggio di un chitarrista blues ai giovani


Mi è stato chiesto di commentare le parole di Morgan sulla cocaina. Non voglio parlare pero, oggi, da studioso delle problematiche adolescenziali cui ho destinato diversi articoli su questa testata. Preferisco parlare da chitarrista blues, quale sono da vent’anni. Tutto è cominciato, anche per me, con un disco doppio in vinile, un uomo in jeans e una Fender Stratocaster nera al suo fianco: Eric Clapton con la sua “blackie”, traccia preferita “Cocaine: she don’t lie, she don’t lie”. Migliaia di giovani chitarristi sono cresciuti e invecchiati con questo miraggio, e con altri idoli delle sei corde caduti poi nella trappola delle droghe: Jimi Hendrix, Stevie Ray Vaughn, Albert Collins, Duane Allman… Un giorno però molti di questi aspiranti chitarristi si sono accorti che dei loro amati non era rimasta traccia: incidenti, alcol, stupefacenti li hanno cancellati per sempre e nulla è la possibilità di rivederli su un palco o ascoltarli in nuovi brani. La droga, si dice in alcune interviste, favorisce estro e creatività: senza di essa Jimi Hendrix non avrebbe mai registrato Electric Ladyland… Cari giovani chitarristi: non credete a questa menzogna. La verità è che, senza la droga, Hendrix avrebbe registrato quel disco ancora meglio e ce ne avrebbe regalati altre centinaia di rara bellezza se non fosse morto così prematuramente. Che la cocaina sia una menzogna lo ha capito del resto anche lo stesso Clapton, che dopo diversi collassi e una lunga serie di cure, ha deciso di aprire una clinica no profit per aiutare i giovani caduti nella dipendenza (fatto di cui si sente responsabile): basta collegarsi al suo sito ufficiale http://www.ericclapton.com/ e cliccare sulla voce “Crossroads Centre”, dove vi attende il suo messaggio che racconta quanto gli è successo...